loading...
New York, chi è Sayfullo Saipov, l’attentatore uzbeko: “Orgoglioso di aver agito per l’Isis” – News dal Globo

New York, chi è Sayfullo Saipov, l’attentatore uzbeko: “Orgoglioso di aver agito per l’Isis”

New York, chi è Sayfullo Saipov, l’attentatore uzbeko: “Orgoglioso di aver agito per l’Isis”Saipov, 29 anni e di origini uzbeka, è il killer che, in nome dell’Isis, è piombato con un furgone sulla folla a New York uccidendo 8 persone. Dal 2010 aveva la Green Card e lavorava come autista di Uber: “Sembrava gli piacessero gli Stati Uniti”.

Notte di Halloween macchiata di sangue negli Stati Uniti. Un furgone è piombato su una pista ciclabile a New York, nei pressi del World Trade Center, seminando il panico e uccidendo, secondo un bilancio che è ancora provvisorio, 8 persone e ferendone un’altra dozzina. Alla guida del veicolo killer , al grido di “Allah Akbar”, c’era Sayfullo Habibullaevic Saipov, 29enne di origini uzbeke residente dal 2010 a Tampa, in Florida. Attualmente, si trova ricoverato in gravi condizioni, con ferite all’addome causate dai proiettili sparati dagli agenti per neutralizzarlo. Intanto, l’Fbi sta cercando di ricostruire nelle ultime ore la vita dell’attentatore, anche e soprattutto alla ricerca dei suoi legami con l’Isis.

Saipov  aveva una “Green Card”, cioè l’autorizzazione permanente a risiedere negli Stati Uniti, da ben 7 anni.  Aveva una patente in Florida, anche se da tempo viveva con la moglie e tre figli a Patterson in New Jersey, ma ha vissuto per un periodo anche in Ohio. Frequentava la moschea di Paterson, già finita nel mirino della polizia di New York per il criticato programma di sorveglianza musulmana. Negli ultimi mesi lavorava come autista di Uber, come ha dichiarato la stessa società, aggiungendo di stare collaborando con l’Fbi e che nulla nel suo comportamento aveva lasciato sospettare le sue intenzioni. “Una persona molto amichevole”, lo ha definito un amico. “Gli piacevano gli Stati Uniti – ha raccontato, invece, Kobijion Matkavor, 37 anni, anche lui uzbeko, al New York Times -. Sembrava molto fortunato ed era sempre contento e ogni cosa gli andava bene. Certo non sembrava uno che potesse essere un terrorista. Anche se non lo conoscevo in profondità”.

Tuttavia, molti indizi hanno confermato la sua fedeltà al Califfato. Alcuni appunti scritti a mano e rinvenuti nel furgoncino bianco, affittato per compiere l’attacco, ne sarebbero una prova. Il vice commissario del New York Police Department, John Miller, infatti ha spiegato in conferenza stampa che a bordo del pick-up è stato trovatoun biglietto scritto a mano, in lingua araba, che recitava: “Lo Stato Islamico durerà per sempre”.  Interrogato in ospedale dopo essere stato operato al Bellevue Hospital, secondo i media l’uomo avrebbe dichiarato di aver agito “in nome dell’Isis” e di aver pianificato l’azione da settimane dopo aver ricevuto online le istruzioni su come effettuare un attacco. Sempre secondo la stampa locale, si è mostrato abbastanza collaborativo dicendosi però “orgoglioso” dell’attacco e ammettendo davanti agli investigatori: “Avrei voluto continuare a uccidere”.

FONTE FANPAGE

Sul nostro sito puoi trovare moltissimi articoli interessanti e divertenti con il quale passare il tuo tempo, fai un giro tra le varie categorie per trovare ciò che più ti interessa. Ti ringraziamo per la visita e per il supporto e ti invitiamo a tornare presto per scoprire le novità che abbiamo in serbo per te. Se hai trovato interessante la notizia, continua a seguire a nostra pagina su facebook Le sportive. Qui troverai tanti altri video e notizie particolari che potrai condividere con i tuoi amici sui social che preferisci.
(Visited 19 times, 1 visits today)